outdoor finale grande

Il finalese coinvolto in un progetto di valorizzazione turistica e sostenibilità ambientale: e si discute di una card per i turisti outdoor.

Rilanciare la destinazione turistica partendo dal basso, dai locals e dagli operatori turistici: così l’area del finalese e, in particolare, l’area dell’entroterra dei comuni di Calice Ligure e Rialto, intendono lavorare sul futuro del territorio, ragionando di strategie di governance e sviluppo che facciano leva sul turismo e l’agroalimentare per arricchire l’offerta di una destinazione già ampiamente conosciuta per l’offerta sportiva e outdoor.

Questo in sintesi l’obiettivo del progetto di tutela ambientale Best Of, curato da Fondazione Cima. I professionisti di Ideazione hanno partecipato a 6 incontri  sul territorio, aventi l’obiettivo di individuare gli asset strategici su cui puntare per la valorizzazione dell’area, che hanno coinvolto i residenti, gli operatori economici e le istituzioni.

I risultati di questo percorso di progettazione partecipata saranno presentati domenica 8 Novembre a Calice Ligure e Rialto, in occasione di una festa del territorio durante la quale i partecipanti agli incontri racconteranno alla cittadinanza ciò che è emerso e gli scenari futuri.

Durante l’evento Enrico Ferrero,  AD di Ideazione, modererà una serie di workshop con best practice di destinazioni che hanno saputo affermarsi grazie al coinvolgimento attivo di chi il territorio lo vive ogni giorno. In particolare saranno chiamati a testimoniare e raccontare la loro esperienza Stefano Martini referente dell’Ecomuseo della Valle Stura, gestito dalla Cooperativa Covo della Pecora  a Pontebernardo di Pietraporzio, Vittorina Prina, presidente del Consorzio Erba Bona Coltivazione di Crodo, e Pier Giuseppe Meneguz, del Laboratorio Naturale GestAlp Valle Varaita, cooperativa agricola per l’utilizzo delle risorse naturali rinnovabili ai fini dello sviluppo delle comunità del territorio.

Durante la giornata si discuterà anche della possibile creazione di una CARD TURISTICA del territorio finalese rivolta ai turisti Outdoor con sconti e agevolazioni per l’accesso ai servizi  loro dedicati. I proventi derivanti dalla card saranno destinati ad interventi di manutenzione della rete escursionistica e di gestione delle aree boschive. Un esempio di marketing turistico che coniuga sostenibilità ambientale, promozione del territorio e sviluppo di nuovi servizi.

enricopanirossi