bg11

Al via il percorso creativo di progettazione partecipata: formazione e coaching rivolte alle associazioni di volontariato di Novara

Nell’ambito del progetto “l’Ottocento Novarese” e del Sistema Culturale Urbano Novarese è ai blocchi di partenza una interessante iniziativa di formazione che coinvolgerà 7 associazioni di volontariato che operano in ambito culturale, artistico e sociale a Novara: FAI Giovani, Rinascita, Libera (Novara), In Novara, DidArtLab, Creattivi, ARCI Novara.

Il progetto, ideato da Ideazione, prevede che ogni associazione sviluppi un’iniziativa o un evento di valorizzazione di un bene o uno spazio culturale della città, indicati nello specifico dai promotori dell’iniziativa, Comune di Novara e Fondazione Amici della Cattedrale di Novara.

Per garantire la riuscita del progetto, Ideazione condurrà un programma innovativo di formazione e supporto alle associazioni che fornirà loro gli strumenti teorici e pratici per poter ideare un progetto di valorizzazione efficace ed economicamente sostenibile.

Non solo un corso di formazione ma un vero e proprio percorso creativo di progettazione partecipata.

Lo scopo è infatti che ogni associazione (cui è stato affidato un bene culturale  o un’emergenza culturale, un target di riferimento ed un obiettivo specifico) proponga, al termine del percorso, un’iniziativa di valorizzazione e fruizione che andrà ad inserirsi nel calendario annuale di attività del progetto “l’Ottocento Novarese” e del Sistema Culturale Urbano Novarese. Ecco i beni culturali o le emergenze coinvolte: il Broletto, la Cupola di San Gaudenzio, Casa Bossi, le strade della città di Novara, i Musei della Canonica, il Parco dell’Allea (Parco dei Bambini), il Museo Faraggiana.

Ideazione coordinerà dunque l’attività didattica, il coaching alle associazioni e la gestione della parte organizzativa del percorso.

L’orginalità dell’iniziativa, che partirà il 6 novembre e si concluderà nel mese di febbraio, è data dal fatto che un coacher seguirà periodicamente ciascun gruppo nello sviluppo dell’idea progettuale monitorandone lo stato di avanzamento in funzione dell’obiettivo affidato e della necessità che sia sostenibile e intercetti il target di riferimento. All’attività del coacher si affiancheranno docenze e testimonianze nell’ambito della valorizzazione culturale, del marketing, della comunicazione, del fund raising, del budgeting, affinché il progetto benefici di stimoli, spunti e strumenti aggiuntivi e possa risultare ancor più efficace.

Altra particolarità del percorso è il fatto che ciascuna associazione porterà avanti il proprio progetto in stretta sinergia con le altre associazioni, prevedendo giornate d’aula collettive sia per l’attività di coaching, sia per le docenze e le testimonianze.