51c98acd9aba5

Un progetto ambizioso e di grande respiro: il “Sistema culturale integrato novarese” si presenta al territorio e muove i primi passi verso la messa in rete dei suoi beni culturali.


Lo scorso 5 giugno il Teatro Coccia di Novara, motore culturale della città, è stato il palcoscenico per presentare ufficialmente ai cittadini del territorio il “Sistema culturale integrato novarese”, il progetto che ci vede impegnati a coordinare il gruppo di dieci soggetti – tra pubblici e privati – promotori dell’iniziativa.

L’incontro, organizzato nell’ambito degli eventi collaterali alla mostra “Homo Sapiens” allestita presso il complesso del Broletto di Novara, è stata l’occasione per fare il punto sul Sistema alla vigilia di un periodo in cui molti dei progetti e delle azioni in cantiere vedono l’avvio.

 

Novara, cultura e geografia 

 

Introdotto da Paola Turchelli (Assessore alla cultura del Comune di Novara) e Alessandro Canelli (Assessore alla cultura della Provincia di Novara), l’incontro ha visto Enrico Ferrero (Ad di Ideazione), illustrare le attività previste fino al 2015 e la loro interazione con il tema della “geografia”, scelto come fil rouge per il complesso di iniziative in cantiere.

A ragionare sulle opportunità e sui possibili sviluppi del Sistema sono stati anche gli studenti del Master Universitario “MEC Ideazione e progettazione di eventi culturali” dell’Università Cattolica di Milano, coinvolti durante il Master in un projectwork incentrato sul Sistema novarese che ha condotto all’elaborazione di quattro proposte culturali, a seguito di un’analisi della città di Novara e della sua “geografia umana”.

  

search

 

 

Per approfondire:

Intervista a Enrico Ferrero (Corriere di Novara)
I progetti del Master MEC (Corriere di Novara)