Nell’ambito del nuovo programma Erasmus+, le organizzazioni pubbliche e private che operano a favore dei giovani possono proporre partenariati con una o più enti omologhi di altri paesi UE volti a promuovere l’apprendimento e lo sviluppo professionale giovanile, in particolar modo attraverso l’uso di tecnologie digitali. I progetti potranno prevedere scambi e mobilità, oltre allo sviluppo di metodologie e strumenti comuni, con una durata da sei mesi a due anni.

Territori ammissibili: Stati UE

Entità del contributo: fino a 150.000 euro l’anno

Beneficiari: enti pubblici e privati del settore gioventù

Scadenza: 1° ottobre 2014

enricopanirossi