Al Castello della Manta un grande evento per presentare questa associazione che stiamo accompagnando nel suo sviluppo turistico

C’è una nuova realtà nel cuneese: si chiama Octavia, ha solo un anno ma riunisce 12 comuni le cui tradizioni affondano le radici nella storia. Sabato 10 giugno Octavia si è presentata al grande pubblico e molti sono i cittadini e i turisti che hanno risposto al suo invito. Anche noi c’eravamo, a rappresentarci Annagloria Buonincontri, responsabile del settore “Progetti e Consulenze” di Ideazione, che ci racconterà la storia e gli sviluppi futuri di questo interessante progetto!

Come è andato “Piacere, Octavia”, l’evento con cui Octavia si è presentata al grande pubblico?

Molto bene, direi! Octavia è un’associazione che riunisce 12 comuni del saluzzese e del cuneese con una forte identità culturale ma ancora poco conosciuti dal punto di vista turistico.

Abbiamo quindi pensato di organizzare, insieme a Turismo in Langa, un grande evento per far conoscere questi comuni, le loro eccellenze e tipicità alle istituzioni, ai turisti ma anche agli stessi cittadini di Octavia: è fondamentale infatti che proprio gli abitanti di un territorio in primis acquisiscano consapevolezza delle sue potenzialità e conoscano le attività dell’associazione che li riunisce.

Come si è svolta la serata?

L’evento ha avuto luogo nell’edificio simbolo di uno dei comuni coinvolti: il Castello della Manta, aperto eccezionalmente dopo il tramonto in occasione delle Sere FAI d’estate. Nel Giardino del Castello i comuni erano presenti con un proprio stand con le specialità gastronomiche, le produzioni tipiche e le più belle espressioni artistiche e artigianali del territorio.

Alle 18.30, nella Sala delle Grottesche del Castello della Manta, si è svolta la presentazione ufficiale “Octavia, l’associazione e il progetto”: un momento importante che ha visto la partecipazione di numerose personalità e istituzioni del territorio che hanno espresso grande soddisfazione e apprezzamento per l’iniziativa. Solo per citarne alcune, Silvia Cavallero (Property Manager del FAI – Castello della Manta), Riccardo Ghigo (Sindaco di Scarnafigi e Presidente dell’Associazione Octavia), Mario Guasti (Sindaco di Manta), Franco Biraghi (Presidente uscente di Confindustria Cuneo e produttore del territorio), Filippo Ghisi (Console Touring Club della Provincia di Cuneo), Mauro Bernardi (presidente dell’ATL di Cuneo) e Giovanni Russo (Prefetto di Cuneo). A noi il compito di presentare nel dettaglio lo Studio di Fattibilità del progetto, che l’associazione ci ha incaricato di realizzare: è stato sviluppato nell’ambito della L.R. n. 4/00 e presentato in Regione nel dicembre scorso.

Quali sono gli aspetti più interessanti e innovativi dello Studio di Fattibilità?

Il progetto ha l’obiettivo di valorizzare in chiave turistica le risorse del territorio e di creare un itinerario di visita volto a promuovere in modo integrato Octavia con lo scopo – a lungo termine – di offrire nuove opportunità di lavoro e occupazione per i residenti e gli operatori già operanti sul territorio.

Abbiamo individuato un tema per ciascun comune, caratterizzante il comune stesso e al contempo rappresentativo dell’intera area Octavia. In questo, come in molti altri progetti che seguiamo, la parola d’ordine è messa in rete: ciascuna sede promuoverà il tema e l’intero circuito, mettendo in rete inoltre le risorse produttive, artigianali e le tipicità del territorio!

Quali sono i prossimi step?

Affinchè le azioni che abbiamo progettato possano essere pienamente realizzate sono necessari, ovviamente, dei fondi. Nell’attesa che esca un nuovo bando L.R. n. 4/00 che finanzi la realizzazione degli interventi previsti nello Studio di Fattibilità ci siamo mossi con attività di fund raising, di ricerca di sponsorizzazioni e contributi, oltre che, ovviamente, con l’organizzazione di questo evento… è andato così bene che stiamo pensando di farlo diventare un appuntamento annuale di promozione di Octavia!