Il corso entra nel vivo con il laboratorio d’impresa: i 25 allievi sono ora alle prese con la verifica di fattibilità e la sostenibilità economica delle proprie idee per “avviare” 17 start up.  

Il Corso di Perfezionamento Post Laurea in “Turismo culturale per lo sviluppo dei territori”, promosso e realizzato dalla Fondazione Edoardo Garrone in Liguria e in Sicilia,  prevede infatti, oltre a 300 ore di lezione, un percorso intensivo finalizzato all’elaborazione di progetti imprenditoriali innovativi in ambito turistico.

Questa attività, del cui coordinamento complessivo è incaricata Ideazione, è stata decisamente potenziata rispetto allo scorso anno e intende fornire agli iscritti opportunità concrete per rendersi operativi sul territorio e facilitare il loro inserimento nel mondo del lavoro e dell’imprenditoria. Il laboratorio di creazione di impresa, al quale sono destinate 64 ore, si configura come un percorso intensivo di accompagnamento allo start up di impresa e permette ai partecipanti di comprendere e mettere in atto le azioni e le attività utili alla costituzione, allo sviluppo e alla sostenibilità nel lungo periodo di un impresa o di un’associazione in ambito turistico e culturale.

Diverse e di diversa natura le proposte imprenditoriali in fase di progettazione: da un portale on line di prenotazione di residenze di charme in Toscana ad un social network di incontro tra istituzioni culturali e pubbliche in Piemonte, dagli itinerari “someggiati” in Lombardia ad un bed&breakfast di lusso che propone laboratori enogastronomici e culturali a Lecce.

Entro metà giugno i business plan dei diversi progetti saranno consegnati ad una commissione di valutazione che esprimerà i propri giudizi e individuerà la start up che riceverà 5.000 euro di contributo, il Premio “Edoardo Garrone”, per il proprio avvio. In occasione dell’inaugurazione del corso, avvenuta il 2 aprile a Santa Margherita, i partecipanti hanno assistito alla premiazione di Cladio Conforto, vincitore, con il progetto Agribike, dell’edizione siracusana.

enricopanirossi